Gli smartphone uccidono le api. I risultati di una ricerca

api-smartphone

Tutti sappiano del vertiginoso calo del numero di esemplari di api in natura e sulle cause di questo drammatico fenomeno si sono fatte tante ipotesi: cambiamento climatico, inquinamento, tutte più o meno attendibili. Una recente indagine ha però portato alla luce un’ipotesi davvero allarmante: l’esistenza delle api sarebbe a rischio a causa dei nostri smartphone.

E’ quanto rivela uno studio condotto da giovani studenti tedeschi che ha dimostrato come le radiazioni di telefoni cellulari e smartphone incidano sulla vita degli operosi insetti a noi tanto cari. Uno studio molto valido che ha procurato ai cinque giovani studenti il prestigioso premio  WWF Galileo Green Youngster Award.

Lo studio ha rivelato che le api di un  alveare posizionato nelle vicinanze di un ripetitore telefonico hanno iniziato ad avere problemi di orientamento e molti esemplari sono morti. A seguito di un continuo monitoraggio è stato notato un incremento dell’aggressività degli insetti, del ronzio dello sciame, un aumento della temperatura e movimenti assai rallentati durante il volo.

Anche se non vi è ancora una certezza al 100% tra le onde su cui viaggiano le informazioni degli smartphone e le api, questo studio è sicuramente un importante scoperta sullesistenza di un legame tra il comportamento delle api e l’intensità delle radiazioni.

Se desiderate monitorare in tempo reale lo studio sulla relazione tra smartphone e morte delle api vi consiglio il sito ufficiale della ricerca

Voi sareste disposti a rinunciare al vostro smartphone per il bene delle api e quindi del mondo?

Gli smartphone uccidono le api. I risultati di una ricercaultima modifica: 2017-05-15T19:43:16+02:00da justgreenworld

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *